Scrambler

Scrambler! Non solo una motocicletta ma un oggetto che rievoca i fasti del grande Steve Mc Queen.
Da questa particolare quanto bella moto Alessandro (il proprietario) è partito per realizzare una special raffinata e ricca di particolari.
In questa intervista scopriremo come e perché l’ha realizzata.
Ciao Alessandro, prima di parlare della tua Scrambler vogliamo conoscerti un po’, che tipo di motociclista sei?
Ciao ragazzi, sono appassionato di motori e possessore di questa Triumph Scrambler modificata. Tempo pernmettendo la uso tutto l’anno apprezzandone le doti di affidabilità e facilità di guida.
Da quanto vai in moto e quali modelli hai posseduto in precedenza?
Vado in moto da sempre… ho iniziato all’età di 14anni guidando cinquantini elaborati e personalizzati, per passare appena possibile in seguito a cilindrate superiori. Prima una 125 cross, poi una 360cc ed infine una 410cc tutte moto Villa competizione-omologate…MITICHE !!! … Per la domenica e per i trasferimenti dov’era necessario arrivare agli appuntamenti con i jeans chiari (e che rimanessero tali) possedevo una vespa PX 125. Poi ho acquistato una Tenerè 600 che ho tenuto diversi anni …breve parentesi stradale con una Kawasaki GPZ 600R a seguire una Harley Sportster completamente modificata, bellissima da guardare…molto meno da guidare.
Triumph Scrambler, perché l’hai scelta?
Nel 2006 durante la visita al salone di Milano sono rimasto affascinato dalla Triumph Scrambler, BELLA ed ESSENZIALE!!! L’ho ritirata l’anno successivo presso la concessionaria ufficiale “MAGNONI MOTO” nel colore bianco e blu.
Pensavi di personalizzarla da subito oppure le modifiche sono giunte nel tempo?
Livrea elegante, ma avendo io la LAPOMANIA ho pensato si addiccesse meglio per farne una special, una veste monocromatica nero opaco. Un colore aggressivo che non appesantisse la linea dello Scrambler mi sembrava una buona soluzione. Di conseguenza tutti i particolari sono stati verniciati in tinta per uniformarne l’aspetto estetico.
Come hai modificato l’ergonomia della moto di serie per adattarla alle tue esigenze?
Siamo passati alla sostituzione del manubrio con uno più largo da dirt-track più bello ed ergonomico dell’originale… sella corta originale Triumph rivista nel colore del pellame e del guscio-portapacchi, tabella portanumero loghi sixty 8, portatarga Scrambler Ducati anni ’70, parafango anteriore Bonneville con supporto aste artigianali…e tutti gli accessori after market Triumph. Il motore che ha subito una” messa a punto” tramite lucidatura dei condotti e abbassamento testa, non poteva non richiedere l’adozione di uno scarico libero e l’eliminazione della scatola filtro sostituita con due conici a vista. Molle bitubo più performanti rispetto a quelle di serie completano il quadro tecnico. Il risultato è quello di una moto gradevole nell’estetica e nella funzionalità, con una buona copia ed una progressione fluida.
Sulla tua moto monti gomme molto tassellate che conferiscono un’estetica molto off road, come ti trovi?
La scelta delle gomme tassellate è stata obbligatoria per la categoria della moto off road…le prime che ho montato erano prettamente crrossistiche, ma avendo azzerato i tasselli dopo mille chilometri circa ho montato queste karoo un po’ più enduristiche che consentono l’utilizzo del mezzo a 360°, logicamente senza pretendere pieghe da stradale.
Hai creato una special davvero bella e particolare, pensi di apportare altre modifiche?Diverse idee da apportare prossimamente sono già in cantiere, come sella, parafango posteriore e il gruppo strumenti che sostituirò con elementi più minimalisti…modifiche che comunque non stravolgeranno l’estetica attuale e che la renderanno ancora più VINTAGE ed AFFASCINANTE…Alla prossima!!!
Alessandro